bullets

Non è l’amore della tua vita: capirlo in 5 mosse

Credo che l’amore sia una delle cose più difficili da imparare. Io sono sempre stata una frana.

Non è semplice barcamenarsi tra inviti a pranzo e persecuzioni in chat, soprattutto se il maschio in questione è abbastanza carino e interessante.

Ma il punto è: abbastanza.

Perciò, onde evitare equivoci alla Romeo and Juliet, meglio tenere d’occhio alcuni comportamenti che potrebbero essere dei campanelli d’allarme.

 

1-      spara nel mucchio

I ragazzi hanno due tipi di input:

  • pensa
  • fai

Non:

  • pensa
  • oddiochestofacendochissàchefigurabarbina
  • fai

Loro non funzionano così.

Quindi, se l’esemplare maschio mediamente adulto si avvicina a te e alle tue amiche e spara non “mi dai il tuo numero?”, ma un più prosaico “sarebbe carino avere qualche numero”, semplicemente non vuole farlo. E per quanto ci piaccia illuderci, non c’è elucubrazione che possa spiegare perché, pur volendo, non ti ha chiesto il numero di telefono.

2-      conti separati

Al bando le pari opportunità. Al rogo le quote rosa se prima non si estirpa la mania femminista di emanciparsi dalle buone maniere. Una donna non deve mai pagare.

Almeno, non deve essere palese che il nostro uomo non intende pagare per noi.

Il punto non è dimostrare di saper ritirare uno scontrino.

Il punto è che se il nostro lui ci precede alla cassa e fa conti separati per un importo inferiore a due euro, c’è il rischio di ritrovarsi davanti un sano idiota.

E se davvero ha lasciato il portafogli in macchina, abbia la creatività di dire “andiamolo a prendere!”

3-      tira le trecce

E’ un fatto. Per cavarsi d’impiccio, gli uomini tornano alle elementari.

Allora era matematico. Il compagno che ti lanciava la gomma e ti scarabocchiava il braccio era il secondo nome nelle addizioni amorose scritte sul banco.

Equazione, questa, che salta quando l’età ha raggiunto due cifre.

4-      catalogo surgelati

Gli innamorati non parlano. Oppure, se parlano, accendono un fuoco d’artificio difficile da ignorare.

La spia più importante della compatibilità di coppia è la conversazione.

O lui vi colpisce con una trovata geniale o con uno sfondone irriducibile.

Se invece il suo discorso sembra appena uscito dal freezer -o, peggio, vi mette i brividi di freddo- è il caso di cambiare soggetto.

5-      un amore di cucciolo

Chiamarsi micia, rospo, tarponcino o toporagno a un certo livello di intimità è normale.

Non sentire mai il proprio nome di battesimo è alienante.

Se questo poi si accompagna a cose del tipo ciccipiccimaomao, l’effetto contropelo è garantito.

Dunque, meglio un sano nome e cognome che si scioglie ogni tanto in un “dromedario mio” che una sfilza di soprannomi scodinzolanti.

Ad ogni modo, l’amore arriva. Anche per i campioni di singletudine.

E magari proprio il giorno in cui ti si è inceppata la piastra e hai deciso di metterti quelle scarpe che non ti stanno affatto bene, ma ti dispiace non mettere mai. In più, dopo otto ore in ufficio il tuo Chanel n°5 potrà ribattezzarsi tranquillamente Eau de Chignal.

Pazienza. Nel frattempo basta non darsi per vinte: non siamo tagliate per fare le crocerossine.

Non possiamo salvarli tutti. C’est la vie.

Annunci

6 thoughts on “Non è l’amore della tua vita: capirlo in 5 mosse”

E tu che dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...